Una pianta decorativa invernale: la Callicarpa

Una pianta decorativa invernale: la Callicarpa

La Callicarpa appartiene alla famiglia delle Verbenaceae, è un arbusto caduco che può raggiungere un’altezza di 2/3 m e una chioma tra gli 1,5 e i 2 m, proveniente dall’Asia, in particolare dalla Cina e dall’India. 

Puoi acquistare la tua Callicarpa sul nostro negozio online!

È una pianta rustica che viene coltivata anche in Italia, facendo attenzione all’esposizione prolungata al freddo nelle zone dove gli inverni sono molto rigidi . 

I suoi rami si sviluppano verso l’alto e sono ricoperti da una corteccia liscia, dal color marrone/ grigio.

Le foglie sono ovali, opposte e raggiungono i 18 cm, superiormente sono di un colore verde brillante, mentre la parte inferiore color crema. In autunno diventano giallo/arancio o rosso/viola secondo la specie.

fiori possono essere bianchi, rosa o rossi. La fioritura si colloca in primavera.

I suoi frutti sono molto appariscenti e la rendono molto decorativa, infatti, sono tondeggianti e crescono a grappoli di 30-40, direttamente dall’ascella del ramo; la loro particolarità è il colore lilla/violetto, crescono in autunno e durano per tutta la stagione invernale.

 La giusta temperatura

La Callicarpa è una pianta molto rustica e può sopportare temperature di – 15°C/ – 20°C.

Le piante giovani vanno messe al riparo almeno per il primo inverno dopo la messa a dimora, per farle crescere forti.

La luminosità ideale

Può essere collocata a pieno sole ma anche a mezz’ombra. Ha bisogno di 6/7 ore di luce il giorno, preferibilmente il mattino.

Annaffiatura ed umidità

Annaffiare ogni 15- 20 giorni quando il terreno è asciutto. Evita gli eccessi di acqua e fai attenzione che la pianta non sia troppo esposta alle piogge.

Il terreno

La Callicarpa può sopportare un terreno sciolto, l’importante è che sia leggermente acido e sempre ben drenato. Fai attenzione ai ristagni d’acqua anche nel caso di terreni pesanti (argillosi).

La concimazione

La concimazione non è indispensabile; se il substrato è ricco di azoto, serve una concimazione povera di azoto.

Messa a dimora

È consigliato mettere a dimora la Callicarpa in autunno, scavando una buca di 40/50 cm di profondità; se vuoi puoi porre del concime organico sul fondo e coprire di nuovo con della terra per evitare il contatto diretto delle radici con il concime. Taglia le radici con andamento orizzontale per facilitare l‘emissione delle radici.

I parassiti e le malattie

La Callicarpa, essendo una pianta molto rustica, difficilmente viene attaccata da insetti o malattie fungine. Se dovesse essere attaccata, utilizza un prodotto insetticida specifico.

Potatura

Curati di tagliare i rami morti e spezzati, solo quando i frutti della pianta sono diventati marroni o stanno iniziando a cadere. Si consiglia una potatura più importante a fine inverno per ottenere una vegetazione più abbondante.

Moltiplicazione

La moltiplicazione della Callicarpa può avvenire in due modi: con la semina dei semi dei frutti oppure attraverso il metodo delle talee semilegnose.

Preleva le talee dai rami nuovi, senza fiori, con una lunghezza di 15/20 cm. Inseriscile in un tericcio misto sabbia e in 20- 30 giorni avrai i primi risultati.

Lascia un tuo commento!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>