Come curare il giardino in autunno

Come curare il giardino in autunno

Che dolcezza infantile
nella mattinata tranquilla!
C’è il sole tra le foglie gialle
e i ragni tendono fra i rami 
le loro strade di seta.
(Mattino d’autunno, F. Garcia Lorca)

 

Per la cura del giardino, e per tutti i lavori da effettuare nel frutteto, tra i mesi autunnali ottobre è decisamente il più importante.

Ci si prepara all’avvento della stagione fredda ed è bene ricordare alcune buone pratiche del giardinaggio fai da te.
Per i meno volenterosi i Vivai le Georgiche forniscono tutti i servizi necessari alla corretta manutenzione stagionale dei giardini e delle ornamentali in genere.

E’ il periodo di preparazione degli impianti di nuovi rosai: le buche vanno preparate con venti giorni circa di anticipo rispetto alla piantumazione delle radici nude; è bene distribuire sul fondo del letame maturo o dello stallatico. Il contatto diretto con questi ammendanti potrebbe bruciare le radici delle nuove piante ed è perciò consigliabile frapporre tra questi uno strato di terriccio.

Le rose rifiorenti sono ancora in fase di fioritura: eliminare i succhioni di selvatico che partono dall’innesto, pulire il terreno dalle erbe infestanti, mondare le piante dai fiori appassiti recidendo le vecchie infiorescenze e concimare con fertilizzante specifico. Anche durante questo mese è bene assicurare una corretta irrigazione alle rose dei nostri giardini.

Proseguono le piantumazioni delle bulbose a fioritura primaverile come tulipani, giacinti, amarilli, ranuncoli, narcisi, iris, crocus, anemoni, muscari, ciclamini, calle, allium, fresia e giglio bianco. Mantenere innaffiati i bulbi con due interventi a settimana, salvo piogge.

Anche i tappeti erbosi necessitano di alcune cure che consentano al prato di entrare in maniera corretta nella stagione invernale ed essere pronti alla ripresa la prossima primavera. Sfalciare quindi ad altezza intermedia senza esporre troppo i culmi ma senza lasciare un’altezza eccessiva rischiando di indurre asfissia radicale.

Arieggiamo con un rastrello (ideale quello con denti a lama) rimuovendo lo strato di feltro e procedere con una concimazione granulare. Nel caso in cui ci sia formazione di muschio contrastarne la presenza con concimi ad alte percentuali di ferro, operando nelle ore più fresche e bagnando abbondantemente; passate due settimane, una volta rimosso il muschio ingiallito mediante un rastrello è bene procedere con una risemina.

Per gli appassionati del frutteto questo è il periodo degli innesti a gemma sul pesco. E’ anche il momento giusto per i trattamenti con antiparassitari e anticrittogamici (attendere la caduta delle foglie e trattare contro vaiolatura, bolla, occhio di pavone sull’ulivo) e per la concimazione autunnale.

Si concludono le vendemmie sulla vite ed è bene salutare le piante rincalzandone i filari a protezione delle radici dopo aver effettuato una concimazione letamica (interrare lontano dal colletto, a circa 20-30 cm di profondità).

Vivai le Georgiche resta a disposizione per fornirti tutte le informazioni ed i prodotti necessari a questi interventi. Contattaci oggi stesso!

Lascia un tuo commento!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>